Ristorante, gestore chiede tre euro per il taglio di ogni fetta di torta: è legittimo?

È una richiesta lecita quella del gestore di un ristorante che chiede a un suo cliente di pagare tre euro per il taglio della sua torta di compleanno? Oppure è sbagliato, e non previsto dal Codice dei Consumatori? Vediamo qual è la risposta.

La parola 'torta', in italiano, è un termine generico, utilizzato per indicare tantissime pietanze, non obbligatoriamente dolci. Ci sono, infatti, anche le torte rustiche o salate, che vengono consumate, spesso, come antipasti. Solitamente, però, le torte vengono associate ai dolci, e ci sono tantissime torte diverse, che hanno ingredienti e sapori diversi. Ci sono torte tipicamente italiane, come la Caprese o la Torta paradiso, e tante altre che provengono da altri Paesi, come la Cheesecake newyorkese.

Spesso, la torta viene preparata per il compleanno: è usanza, in Italia e in molti altri Paesi del mondo, infatti, spegnere le candeline su uno di questi dolci, e poi consumarli. Oltre a essere un'usanza che, tradizionalmente, porta fortuna, è anche, sicuramente, gustosissimo mangiare questo tipo di dolci. Inoltre, è anche un modo per festeggiare insieme ai propri amici e ai propri cari, condividendo un momento che verrà ricordato per molto tempo. La torta può essere preparata prima, e portata nel locale, oppure nel ristorante dove si festeggerà, oppure ordinata proprio al ristorante.

Ristorante: è lecito e legittimo chiedere un pagamento di tre euro per il taglio della torta di compleanno?

E in questo articolo parliamo proprio di torte e ristoranti, condividendo un'esperienza raccontata da un follower di Massimiliano Dona, celebre esperto di tutela dei consumatori e avvocato italiano. Il presidente dell'Unione Nazionale Consumatori ha riportato l'esperienza di un follower, il quale ha raccontato di aver organizzato il primo compleanno del proprio figlio, e di aver chiesto al gestore di un ristorante nel centro di Milano di poter portare la torta, già preparata prima. Quest'ultimo ha dato il suo assenso, aggiungendo, però, che per ogni fetta tagliata, avrebbe aggiunto tre euro per ogni fetta di torta tagliata. Ergo, per venti invitati, il prezzo sarebbe stato di ben 60 euro. Ma è legittimo chiedere una cosa del genere?

Massimiliano Dona ha spiegato che questa richiesta è legittima. Per quanto la torta non sia del ristorante, infatti, c'è comunque il servizio, il fatto che questa debba essere tagliata per un numero cospicuo di persone, e messa su un piatto e con delle posate. Inoltre, deve essere conservata in frigo, e questo porta spese. Pertanto, si può chiedere un prezzo del genere. Sta al cliente, però, valutare quale prezzo sia accettabile e quale, invece, sia troppo alto.

LEGGI ANCHE>>>Bergamo, cittadino mostra scontrino di una cena al ristorante: "Quanto abbiamo pagato"

Lascia un commento