Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile, intuitivo e veloce. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

EU H2020 CROCODILE

A causa della rapida crescita della mobilità elettrica, la domanda di cobalto crescerà astronomicamente. Attualmente, il 65% della produzione globale di cobalto avviene nella Repubblica Democratica del Congo, ciò ha portato la CE a definire il cobalto un metallo altamente critico. La creazione di una catena del valore dell'UE per la produzione primaria e il recupero del cobalto è quindi di importanza strategica. Il progetto europeo EU H2020 CROCODILE presenta un sistema metallurgico innovativo, basato su tecnologie avanzate di pirometria, idrogeno, bio-, ioni ed elettrometallurgia, per il recupero del cobalto e la produzione di metallo cobalto.  CROCODILE dimostrerà grazie ad approcci sinergici e all'integrazione di sistemi metallurgici innovativi il recupero di cobalto da fonti primarie e secondarie esistenti in diverse località in Europa, migliorerà efficienza di questi processi, migliorerà i loro valori economici e ambientali e fornirà una strategia "zero waste" per i flussi ricchi di cobalto come le batterie.

Inoltre, CROCODILE produrrà il primo sistema economico mobile metallurgico ed ecologico basato su tecnologie idro-metallurgiche ed elettrochimiche avanzate in grado di produrre metallo cobalto da una massa nera proveniente da diverse fonti di flussi di rifiuti come le batterie esaurite e i catalizzatori. Pertanto, questo progetto ridurrà drasticamente l'elevatissimo rischio esaurimento di cobalto per l'Europa, offrirà alle PMI nuove opportunità di business e consoliderà il business delle grandi raffinerie con tecnologie ecologiche e disaccoppierà le loro attività dalla fornitura attualmente instabile di materie prime.

CROCODILE collaborerà attivamente con i gruppi della società civile locale e internazionale, al fine di ottenere e mantenere la licenza di operare per il recupero e la produzione di cobalto.

Relight sarà responsabile della raccolta e della fornitura di nuovi rifiuti elettronici contenenti cobalto. Per falro, Relight utilizzerà la propria rete di riciclaggio RAEE al fine di raccogliere nuovi tipi di batterie dai punti di raccolta o dalle aziende italiane. La maggior parte di essi saranno batterie agli ioni di litio per applicazioni portatili con elevata concentrazione di cobalto.

 

 

 

Relight nasce nel 1999 da un progetto di cooperazione con Philips per la raccolta ed il recupero delle lampade fluorescenti, nell’ambito del quale costruisce un network per garantire la raccolta su tutto il territorio nazionale.

Sede legale ed impianto: